Una bambina, dopo due giorni dall’arrivo agli Innocenti, viene affidata a una balia del Galluzzo:

Adì 12 decenbre 1447 la sopradetta fanculla [accolta il 10 dicembre] demo a mona Veggia di Lorenzo di Papi da Perazzo sta nel populo di Santo Stefano podesteria del Galluzo

(AOIF, [Libro dei] fanciugli A, 05/02/1445 - 17/10/1450, n. inv. 485, c. 28r) (inv. 485, c. 114v)